Novilunio – Frizt Leiber

Image and video hosting by TinyPic

Novilunio è il primo libro di genere apocalittico che io abbia letto, e come tale occupa un posto importante nella mia libreria. Durante il periodo in cui lo stavo leggendo, i miei sogni sono stati influenzati. Vedevo tsunami abbattersi contro edifici e maree, lente ma inesorabili, che costringevano la popolazione alla fuga. Direi che questa la si può considerare come la prova del fatto che il libro mi ha colpito molto.
Il racconto inizia in modo tranquillo e si trasforma via via in qualcosa di abbastanza movimentato. Ciò che più apprezzo delle atmosfere apocalittiche forse è proprio il senso di caos e incertezza che portano con sé. Le persone, che fino a poco prima vivevano la loro tranquilla esistenza, si trovano sbalzate in una nuova, sconvolgente realtà.
Testimoni di ciò che sta accadendo sul pianeta Terra (e sopra le loro teste) sono molteplici personaggi provenienti da diverse aree geografiche. L’autore si focalizza di volta in volta su uno o sull’altro individuo, catturando reazioni diverse da più prospettive. Nonostante la presenza di un numero elevato di figure, che con le loro storie personali rischiano di rendere la trama spezzettata, in generale ho trovato il racconto chiaro e avvincente.
In questo libro, Leiber tratta il tema della relazione tra umano e mito e, facendo ciò, pone in rilievo un inquietante interrogativo: se nell’universo esistessero civiltà più evolute di quella umana, come si comporterebbero con noi? Ci considererebbero come bambini da difendere e istruire, o come insetti da schiacciare? Riguardo a ciò, riporto una considerazione piuttosto negativa che si legge verso l’inizio del racconto: “So bene che alcuni, tra voi, pensano che delle razze progredite ci amerebbero e ci aiuterebbero in ogni modo, ma io giudico l’atteggiamento di razze più avanzate nei confronti dell’uomo sulla base dell’atteggiamento umano nei confronti delle formiche. Su questa base, posso dirvi una sola cosa: ci sono i demoni là fuori, nelle immensità stellate. I demoni!”
Nell’introduzione di Giuseppe Lippi si legge che il romanzo ha tre anime distinte: apocalittica, minimalista e cosmica (quest’ultima suddivisa a sua volta in commedia e weird). Di queste posso dire di aver apprezzato moltissimo la parte apocalittica, in cui vengono spiegati, con una certa precisione scientifica, tutti i fenomeni (terremoti, lunamoti, maree, ecc). Così, oltre ad assistere a una buona dose di catastrofi, si ha anche modo di imparare qualcosa di vero sulle loro dinamiche.
Ho trovato molto affascinante anche il momento in cui l’aliena, Tirgerishka, racconta a Paul, protagonista del momento, le sue conoscenze riguardo l’immensità dell’universo. Le motivazioni che la creatura aliena fornisce, per giustificare le azioni della sua razza, appaiono animate da sentimenti profondi: “Noi vogliamo viaggiare con maggiore efficacia nel tempo. Non solo per osservare, ma per cambiare il passato, renderlo più pieno, ridare vita agli innumerevoli morti, vivere  in una dozzina – o in un centinaio – di presenti, e  non in uno soltanto, risalire all’inizio e ricostruire”.


Licenza Creative Commons Questo articolo di Monique Namie
è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...