Ho guardato il vuoto

Image and video hosting by TinyPic
Ho guardato il cielo la notte
misurando la distanza tra le stelle
e ci ho visto mondi senza confini,
spirali di plasma e materia oscura.

Ho lasciato in sospeso le mie frasi,
le emozioni incomprese in stasi,
che il cielo più vuoto è un magnete:
istiga la ricerca di cose meno concrete.

Guardando oltre mi sono imbattuta
in un demone un po’ disperato
che voleva il suo cuore riscaldato.
Ho guardato nei suoi occhi
e ci ho visto il vuoto.
Anche il Fato lo dava per spacciato
quando decisi che l’avrei salvato.

E ora?
Tanto vale che mi stenda sul prato
e osservi le stagioni passare piano
come pietra immortale sul suolo arcano.


N.d.A.: Una poesia scritta nel 2016 in un periodo un po’ turbolento. Nel testo, tra immagini fantascientifiche, si può cogliere una certa malinconia oltre che una sensazione di vuoto e solitudine provata osservando l’immensità.


Licenza Creative Commons

“Ho guardato il vuoto” di Monique Namie
è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Annunci

2 pensieri riguardo “Ho guardato il vuoto

    1. Da grande appassionata di astronomia non posso che condividere il tuo pensiero. Guardare il cielo certe volte può essere una cura per particolari stati d’animo. Sono contenta che la poesia ti sia piaciuta! Grazie per il commento. 😉

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...