Gregor. La prima profezia – Suzanne Collins

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

TRAMA: Un undicenne di nome Gregor è costretto a badare a Boots, la vivace sorellina di appena due anni. Questa un giorno si tuffa in una grata sotto gli occhi sbigottiti del fratello, che senza pensarci troppo si lancia all’inseguimento. È così che entrambi finiscono nel Sottomondo, abitato da umani con la pelle bianchissima e animali giganti. Gregor scoprirà che anche suo padre, sparito da qualche anno, è arrivato lì e ora risulta disperso. Come se ciò non bastasse, un’antica profezia grava sul destino di Gregor e di tutti gli abitanti del Sottomondo.


Si tratta della prima opera di Susan Collins che leggo. Non ho mai letto gli Hunger Games, sebbene abbia visto i film. Detto questo, credo di aver identificato comunque una peculiarità di questa scrittrice. Quando la Collins presenta un nuovo mondo, lo fa in maniera più scientifica che magica. Quello che voglio dire è che ogni ambiente creato ha delle leggi particolari che lo governano, leggi spiegabili in modo quasi del tutto razionale. Gli stessi esseri che popolano quella particolare realtà hanno caratteristiche spiegabili scientificamente.
Gli umani che vivono nel sottosuolo, per esempio, hanno la pelle molto bianca e i capelli chiari proprio a causa dell’essenza di luce solare. Altro esempio, non tutti gli animali parlano per effetto magico, come accade nei fantasy. I ragni per esprimersi strofinano le zampe nel petto creando delle vibrazioni. Le parole così prodotte appaiono strascicate, bisbigliate in modo sinistro.
Il Sottomondo fa un po’ pensare a un pianeta alieno, dove gli abitanti hanno una cultura e modi di vivere diversi, e dove esistono fenomeni naturali sconosciuti ai terrestri: come le correnti d’aria che periodicamente s’innalzano verso gli ingressi che collegano il mondo di sotto con la superficie.
Una cosa che ho apprezzato sono proprio gli aneddoti scientifici. Il padre di Gregor era insegnante di scienze. Non mancherà, dunque, qualche occasione per mettere in pratica la teoria, creando magari una bussola rudimentale per orientarsi nell’intrico di cunicoli.
Le vicende del racconto si snodano con un buon ritmo. Non c’è modo di annoiarsi: le scene d’azione sono sempre dietro l’angolo. Lo stile è molto semplice e diretto, con un lessico adatto al pubblico giovane. Per fortuna l’autrice non abusa delle espressioni in gergo. Susan Collins le usa quel tanto che basta per rendere più credibile Gregor. Il protagonista è ben delineato. Per i suoi undici anni appare abbastanza maturo, probabilmente perché segnato dall’improvvisa scomparsa del padre e dalla difficile situazione economica in cui si trova la famiglia. Accetta senza proteste di badare alla sorellina e all’anziana nonna, invece di andare al campeggio estivo. Il peso delle responsabilità che gravano sul giovane finiscono per plasmarlo e renderlo un ragazzo diverso e interessante.
Un’altra cosa positiva è che il volume, in un certo senso, si può dire autoconclusivo. Temevo che, per invogliare a comprare il seguito, la storia s’interrompesse lasciando qualcosa in sospeso. Per fortuna non è stato così. O meglio, si sa che esiste una seconda profezia che condurrà a nuove avventure, ma questo non incide sulla completezza della vicenda. Se volete comprare solo il primo libro e snobbare gli altri, potete farlo tranquillamente.
Personalmente non credo continuerò la lettura dei volumi successivi. Il racconto mi è piaciuto, ma non mi ha entusiasmato a tal punto da voler proseguire.

 


Licenza Creative Commons Questo articolo © Monique Namie
è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.


 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...