Primavera a Dachau

Storia scritta per il club di Aven del gruppo Raynor’s Hall.
Tema: un incontro inaspettato


Nota dell’autrice:
Mi sembra doveroso segnalare che questo micro-racconto è maturato dopo la visione di documentari sulla Shoah e dopo la lettura di due libri storici quali Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani e Se questo è un uomo di Primo Levi.


Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Zoccoli duri in legno, spaiati, di due taglie diverse. Li tenevo legati al piede con del filo di ferro. Se li avessi persi avrei dovuto proseguire scalzo, il Kapò mi avrebbe scudisciato a sangue e le piaghe si sarebbero aggravate.
La neve si era sciolta. Il fango si attaccava alla suola trattenendo i miei piedi a terra, come negli incubi in cui si deve fuggire da qualcosa e ogni passo millimetrico costa una fatica incredibile. Ma in quel momento, l’incubo era reale.
Le nostre misere esistenze si trascinavano respiro dopo respiro un po’ più avanti in quell’eterno presente. Mi guardavo gli stinchi smilzi e insudiciati. Più avanti altre gambe magre e sporche come le mie. Se qualcuno cadeva, veniva preso a bastonate e lasciato a faccia in giù agonizzante.
La mia mente alcune volte vacillava. Pensavo solo alla fame, alla prossima razione di pane, al freddo. Pensavo alla fame più di tutto: così radicata dentro di noi da diventare un’ossessione anche durante il sonno, quando i denti masticavano l’aria.
Pensavo a questo quando, improvvisamente, tra la melma vidi un fiore: due fogliette maltrattate e un gambo corto con su una corolla sgualcita di petali scoloriti. Quale incontro inaspettato! Pensai fosse un miraggio. Otto mesi prima l’avrei colto e regalato a Lucyna.
Mi lasciai cadere in ginocchio sulla fanghiglia, a un passo dall’aldilà. La processione si arrestò dietro di me. Il pensiero delle bastonate, che mi sarebbero arrivate da un momento all’altro, mi diede la forza di rialzarmi presto. Tra le mani avevo il fiore, strappato dal suolo con anche le radici. Me lo nascosi in bocca e lo ingoiai. Sapeva di terra, era amaro, e in quel momento era la cosa più buona che avessi mangiato.


“Primavera a Dachau”
Tutti i diritti sono riservati © Monique Namie
Instagram
: Monique Namie
I miei racconti su Wattpad: MoniqueNamie


 

13 pensieri riguardo “Primavera a Dachau

  1. Molto bello il racconto. Un incontro che potrebbe sembrare poetico ma che poi cade nella cruda realtà del momento. Ho letto molti libri su questi argomenti, tra cui anche “Se questo è un uomo”… mi fanno davvero rabbrividire. Ma è fondamentale conoscerli. Molto bello, mi è piaciuto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...