Modi di dire cinesi – La rana sul fondo del pozzo

rana22

Jǐng dǐ zhī wā (井底之蛙) è un chengyu che vuole trasmettere l’idea di come, per una rana che vive sul fondo del pozzo, il mondo sia grande solo quanto la circonferenza del pozzo. È una metafora per indicare qualcuno dalle vedute ristrette. Si può rendere in italiano con il nostro “non vedere più in là del proprio naso”.

Il racconto da cui trae origine questo modo di dire si trova nel testo daoista Zhuangzi (庄子) che prende nome dall’autore stesso vissuto durante il periodo degli Stati Combattenti (453 a.C. – 221 a.C). L’opera è composta da trentatré capitoli nei quali l’autore espone degli insegnamenti attraverso storielle e aneddoti. Il capitolo in cui si trova il racconto che ci interessa è intitolato Acque d’autunno (Qiūshuǐ 秋水).
L’autore, Zhuangzi, è più noto per il
sogno della farfalla. Una notte egli sognò di essere una farfalla che volava. La sensazione era così realistica che quando si svegliò si sentì confuso e s’interrogò: «È Zhuangzi che ha appena smesso di sognare di essere una farfalla, o è la farfalla che ha appena iniziato a sognare di essere Zhuangzi?»
Ma torniamo alla rana dentro al pozzo. Segue il testo in lingua originale e la mia traduzione.

井底之蛙
一日,一只浅井的青蛙见到一只东海大鳖,便兴致勃勃地对它说:“我可快乐啦!出来就在井栏边跳来跳去,进去就在井壁砖缝中休息;跳入井中,水就泡着我的两腋和腮;游到浅处,泥汤就没了我的脚。我独占一井之水,螃蟹和蝌蚪都没法跟我相比,你何不也下来看看?”
东海之鳖来到井边,左脚还没进去,石膝已经被卡住了。东海之鳖慢慢退了出去,然后对这只浅井青蛙讲述了大海的样子:“用千里之遥这样的字眼儿,不足以说明大海的广阔;用千仞之高这样的词,不足以量尽它的深度。大禹时十年九涝,海水没显出增加了多少;商汤时八年七旱,海水也并不见减少多少……”浅井的青蛙听得目瞪口呆,惊恐万分,茫茫然若有所失,它何尝想到还有比它的一方水井更大的世界呢!

La mia traduzione

La rana sul fondo del pozzo
Un giorno, una rana che viveva dentro un pozzo poco profondo vide una grande tartaruga del mar Cinese Orientale e disse allegramente: «Come sono felice! Quando sono uscita dal pozzo ho saltato su e giù vicino al recinto, poi sono entrata in una fessura del muro di mattoni e lì mi sono riposata. Sono saltata dentro e l’acqua mi ha bagnato le ascelle e le guance. Nuotando il fango è sparito dalle mie zampe. L’acqua del pozzo è tutta mia, granchi e girini non possono competere con me. Perché non vieni a vedere?»
La tartaruga del mar Cinese Orientale arrivò sul bordo del pozzo, la zampa sinistra non era ancora entrata che il ginocchio fu bloccato da una pietra. Allora la tartaruga si ritirò lentamente e poi raccontò alla rana com’era il mare: «Mille miglia di distanza non sono sufficienti a rendere l’idea della vastità del mare, ottomila piedi di altezza non sono sufficienti a rendere l’idea della sua massima profondità. Durante il regno di Da Yu¹, in dieci anni ve ne furono nove di alluvioni e il mare non mostrò molto aumento. Durante il regno di Shang Tang², in otto anni ve ne furono sette di siccità e il mare non mostrò nessuna diminuzione…»
La rana rimase sbalordita, terrificata e confusa come se avesse appena perduto qualcosa. Come poteva immaginare che esistesse un mondo più grande del suo pozzo d’acqua!

Note:

1• Da Yu (大禹), secondo la leggenda, fu il primo imperatore della dinastia Xia (Xià cháo 夏朝), la prima a essere descritta nelle antiche cronache cinesi. Si tratta di un sovrano che regnò oltre 4000 anni fa e che viene ricordato soprattutto per il controllo delle acque nel territorio cinese colpito all’epoca da terribili alluvioni.

2• Shang Tang (Shāng Tāng 汤), fu il fondatore della dinastia Shang (Shāng cháo 商朝), immediatamente successiva alla dinastia Xia. Durante i primi anni del suo regno, si dice che la siccità colpì duramente tutto il territorio e allora Tang ordinò che fossero coniate nuove monete d’oro da distribuire alle famiglie povere, che erano state costrette a vendere i propri figli a causa della siccità.

Fonti:
Chinese Text Project – The Flood of Autumn
Wikipedia – Yu the Great
维基百科 – 商汤


©Monique Namie
Instagram
: Monique Namie
I miei racconti su Wattpad: MoniqueNamie
Sostieni il mio blog


9 pensieri riguardo “Modi di dire cinesi – La rana sul fondo del pozzo

  1. Molto, molto interessante culturalmente. Grazie!
    Questo tuo articolo ci fa capire come l’uomo (penso alle favole di Esopo) viva inconsciamente stereotipi comuni a tutta l’umanità: animali che parlano per insegnare all’uomo la saggezza e la prudenza, miti di eroi invincibili che fanno sognare l’eternità e dei che guidano l’uomo per farlo aspirare a una vita ultraterrena..
    Chi ha inculcato nella mente umana la ricerca di questi stereotipi? Non so rispondere perché non sono né un teologo né un filosofo, ammesso che sia possibile rispondere senza ricorrere alla fantasia.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie a te per questa riflessione. Forse è nella natura umana creare aneddoti per trasmettere degli insegnamenti, chissà.
      Anch’io ho pensato per un attimo alle favole di Esopo mentre traducevo la storia di questi animali parlanti 🙂

      Piace a 1 persona

  2. Per una volta avevo già sentito questo modo di dire! In “Volcano High” – film comico d’azione sudcoreano che è un mio guilty pleasure – c’è un personaggio che, per l’appunto, dice a un altro “Sei come una rana nel pozzo che dice di conoscere l’oceano”. Benché abbia visto il film un sacco di anni fa, ogni tanto lo dico ancora, se c’è occasione.

    Piace a 1 persona

  3. sempre curioso e interessante leggere le origini di certi detti popolari. Complimenti per la traduzione, per me sarebbe impossibile anche solo pensare di studiare una lingua così ostica, almeno per me…
    Buon wek end, un caro abbraccio 😉

    Piace a 1 persona

    1. Grazie, Max. Anch’io sono certa di non riuscire a combinare niente di buono in certi settori. Ma con le lingue, in generale, me la cavo. Ognuno dovrebbe cercare di coltivare ciò in cui riesce meglio. Buon weekend e un abbraccio anche a te 🙂

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...