“Corpi freddi” di Kathy Reichs

Titolo italiano: Corpi freddi
Titolo originale: Déjà Dead
Autrice: Kathy Reichs
Prima pubblicazione: 1997

Questo è il primo libro in cui compare l’antropologa forense Temperance Brennan, protagonista poi della serie TV Bones.
Vale la pena che mi soffermi un attimo su come ho recuperato questo volume che ho ormai da anni. Probabilmente all’epoca la biblioteca del paese stava sostituendo i libri più rovinati con quelli nuovi. Questo era finito assieme ad altri nel contenitore della carta da macero che si trova in strada fuori dal portone della biblioteca. Passando di lì, e notando il contenuto, non ho potuto lasciare a se stessi quei libri abbandonati, qualsiasi cosa essi raccontassero.

Il titolo originale mi piace di più di quello italiano. Déjà Dead fonde due lingue, l’inglese e il francese, anticipando un ambiente, quello di Montréal e Québec, dove queste due lingue coesistono.
Si tratta di un volume corposo. Il romanzo inizia con la dottoressa Brennan chiamata a valutare dei resti scheletrizzati ritrovati nel terreno di un cimitero. Spera che si tratti del contenuto di qualche vecchia tomba, invece le cose finiscono per complicarsi. Si tratta di una donna assassinata e smembrata. Ricordandosi di altri casi passati i cui resti mostrano similarità, la Brennan inizia a nutrire l’idea che sia opera di un serial killer. Temperance non riesce a stare relegata nei suoi ambienti di lavoro e inizia a comportarsi come una detective. Claudel, tenente della Communauté Urbaine de Montréal, non crede c’entri la mano di un serial killer, odia il fatto che questa sua collega ficchi il naso in cose che non la riguardano e ciò crea molta tensione all’interno dello stesso dipartimento di polizia. Ma ci vuole ben altro per spegnere la determinazione della protagonista. Tempe vuole fermare il pazzo che ha tolto la vita a quelle donne perché non mieta più altre vittime. Non si arrenderà mai, nemmeno dopo essersi trovata a stretto contatto con l’assassino e aver rischiato seriamente di non uscirne viva.
In questo primo romanzo della serie, la dottoressa Brennan è già divorziata, ha una figlia adolescente, e conosce per la prima volta Andrew Ryan. Tra i due si percepisce un po’ di attrazione, ma non è ancora il momento per vederli impegnati assieme in qualcosa di romantico.
Temperance in questo libro appare coinvolta emotivamente anche in quei casi in cui il lavoro le richiederebbe un certo distacco. Lo stato in cui vengono trovate le vittime e la giovane età di alcune, non può lasciarla indifferente.
Anche in questo caso, come nell’altro libro della Reichs, Le ossa non mentono, l’assassino si avvicina alla protagonista e inizia a minare l’incolumità di qualche persona cara. Allora la tensione sale e la suspense tiene incollati alle pagine.
Ho trovato alcune analogie tra Dejà Dead e Bones Never Lie:
Uno: la Brennan è sempre la prima a notare delle similarità tra casi di omicidio avvenuti in anni diversi.
Due: Tempe inizia a svolgere indagini per conto proprio e, se scopre qualcosa, si “dimentica” di condividere alcuni dettagli con i colleghi.
Tre: il killer si avvicina pericolosamente a una persona cara alla protagonista.
Quattro: presenza del climax finale in cui l’assassino rivela tutto il suo squilibrio mentale, con una conseguente azione decisiva di Tempe e arrivo della polizia. È interessante notare come dalla personalità dell’assassino affiori sempre un passato traumatico.
Che questi siano tratti caratteristici della narrazione della Reichs non saprei. Aspetto di leggere qualche altro suo romanzo prima di espormi.
In conclusione l’ho trovata una lettura avvincente, più ricca di suspense rispetto a Le ossa non mentono. Dopo aver terminato questa lettura, ho percepito una specie di vuoto: una sensazione che spinge a cercare altri libri con quei protagonisti che sono diventati come degli amici.


© MONIQUE NAMIE
SOSTIENI IL MIO BLOG
Instagram
Monique Namie


5 pensieri riguardo ““Corpi freddi” di Kathy Reichs

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...