Vita da portalettere: l’infortunio

Torna la rubrica sulle mie sfortune lavorative.
Il primo luglio ero di buon umore, ma la caposquadra ci avrebbe impiegato pochi secondi a distruggermi il mood positivo.

Leggi l'articolo

Vita da portalettere: la raccomandata assicurata

Rieccoci a un nuovo appuntamento con le mie sfortune lavorative in un ufficio che ormai abbiamo capito non essere dei più accoglienti.

Leggi l'articolo

Vita da portalettere: problemi con lo scooter

In questo articolo racconto un episodio problematico con lo scooter e il mio rapporto turbolento con una collega d'ufficio.

Leggi l'articolo

Vita da portalettere: i postini di una volta e altri argomenti

In questo articolo racconto un po' di cose varie ed eventuali sulla mia esperienza come portalettere.

Leggi l'articolo

Vita da portalettere: pericoli a quattro zampe

Se il cane è il miglior amico dell'uomo, è anche uno dei peggiori nemici del portalettere.
Non è chiaro il motivo per cui la maggior parte dei cani impazzisce quando arriva un postino. Vi parlo della mia teoria e della mia esperienza.

Leggi l'articolo

Vita da portalettere: l’inizio dell’avventura

Racconto i miei primi giorni come portalettere, tra difficoltà e impressioni varie.

Leggi l'articolo

Vita da portalettere: contrattempi durante la “gita”

In questo articolo racconto un po' dei contrattempi e degli aspetti positivi che sto riscontrando facendo il portalettere.

Leggi l'articolo

Sdrammatizziamo: “Metti la nonna in freezer”

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Claudia lavora come restauratrice con l'ausilio di due colleghe nonché amiche. Purtroppo la pubblica amministrazione non le paga quanto dovuto e lei riesce ad andare avanti solo grazie alla pensione di nonna Brigit. Quando, improvvisamente, l'anziana muore, alle tre ragazze nasce la malsana idea di congelarla per continuare a percepire la pensione, ma...

Decidere il futuro

Image and video hosting by TinyPic

Entro in un'agenzia del lavoro e lì mi porgono un curriculum da compilare. È una situazione ordinaria, forse troppo ordinaria. Mi sento come in gabbia. Improvvisamente so che, in quel foglio di carta, non riuscirò a riassumere concretamente i miei sogni e le mie speranze.

Click per leggere il testo.