“Acqua, luce bum! Il Vajont che non ricordo”, di Paolo Munarin

L'autore di questo libro è il bambino nella foto di copertina, avvolto nella coperta e portato in salvo dai soccorritori. Ha vissuto la tragedia del Vajont, ma aveva appena venti mesi e quindi non gli sono rimasti ricordi, o forse sì?

Leggi l'articolo

Protetto: “Sundara” di Mauro De Candia

Non c'è nessun sommario del post perché il post è protetto.

“Mondo piccolo. Don Camillo” di Giovannino Guareschi

Nel Mondo Piccolo creato da Guareschi il più delle volte ci si odia volendosi bene e ci si regala bombe inesplose come uova di Pasqua. Situazioni avvincenti finché si leggono in un romanzo, ma di cui uno farebbe volentieri a meno nella vita reale.

Leggi l'articolo

“La spagnola. Storia dell’influenza che cambiò il mondo” – Richard Collier

Penserete che non sia il momento migliore per leggere libri che parlano di virus pandemici. Ne sentiamo parlare già abbastanza nei notiziari. Ma io sono curiosa per natura e quando ho saputo della spagnola, a cavallo tra la Grande Guerra e il fascismo, mi è rimasta quella voglia di saperne di più.

Leggi l'articolo

“Diana. La vera storia dalle sue parole” – Andrew Morton

Eccomi a parlare di quello che si è affermato “come titolo britannico più censurato degli anni Novanta”. Paradossalmente “una biografia scritta e prodotta con il più assoluto ed entusiastico appoggio della sua protagonista fu boicottata dai benpensanti con l'accusa di essere un resoconto falso della sua vita”.

Leggi l'articolo

“L’orologiaio di Filigree Street” di Natasha Pulley

Questo romanzo d'esordio dell'autrice Natasha Pulley mi ha lasciato sensazioni contrastanti. Alcune parti le ho amate, altre le ho trovate troppo veloci e poco indovinate, ma in complesso è stata una piacevole esperienza di lettura. In questo articolo vi spiego in dettaglio le mie impressioni.

Leggi l'articolo

“Ritorno a Pompei” di Amélie Nothomb

Ritorno a Pompei è un romanzo distopico che si sviluppa tramite un lungo dialogo tra A.N. (una donna del 1995) e Celsius (un uomo del 2580).

“Filosofia per amanti degli animali” di Lars Fr. H. Svendsen

Un libro per amanti degli animali che non è stato scritto con l'intento di fornire risposte precise, ma piuttosto per “aiutare il lettore a vedere cose che altrimenti verrebbero trascurate, e a formulare pensieri che altrimenti rimarrebbero non pensati.”

“Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Un libro per il quale non mi aspettavo di sentire tanto coinvolgimento, anche perché la storia della famiglia Finzi-Contini è svelata fin dall'inizio: nel '43 saranno tutti deportati e non faranno più ritorno. Niente suspense, niente "chissà come andrà a finire!" Eppure, incredibilmente, nonostante il finale svelato, nonostante il linguaggio ormai un po' antiquato, ho finito la lettura in brevissimo tempo, affezionandomi alla protagonista, Micol, e desiderando di seguire la sua storia oltre le pagine del libro.

“Naufragio su Tschai” di Jack Vance

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Naufragio su Tschai è il primo libro del Ciclo di Tschai che comprende in totale quattro volumi.
Lo definirei un'avventura fantascientifica alla Indiana Jones, con la differenza che il protagonista qui non fa l'archeologo.