Viaggio a Longarone e al cimitero monumentale delle vittime del Vajont

Di ritorno dalla diga di Pieve di Cadore non potevo non fermarmi a Longarone, paese tristemente noto per un'altra diga, quella del Vajont. Ecco il mio report.

Leggi l'articolo

“Fiore di roccia” di Ilaria Tuti

Ho scelto di dedicarmi alla lettura di questo libro per un duplice motivo: l'ambientazione durante la Prima guerra mondiale e l'idea di trovare delle donne forti come protagoniste (le portatrici carniche).

Leggi l'articolo

“La spagnola. Storia dell’influenza che cambiò il mondo” – Richard Collier

Penserete che non sia il momento migliore per leggere libri che parlano di virus pandemici. Ne sentiamo parlare già abbastanza nei notiziari. Ma io sono curiosa per natura e quando ho saputo della spagnola, a cavallo tra la Grande Guerra e il fascismo, mi è rimasta quella voglia di saperne di più.

Leggi l'articolo

“Sulla pelle viva” di Tina Merlin

Tina Merlin, giornalista de L'Unità, fu colei che raccontò le paure degli abitanti del comune di Erto-Casso, anticipando l'evento catastrofico che si sarebbe verificato. Dall'enfasi che mette nella sua cronaca, dal particolare modo di esprimersi, traspare una personalità forte e decisa. È una persona che deve raccontare la verità a qualunque costo.

Leggi l'articolo

“Proteggimi” di Bocelli dal film “Vajont”

Con l'avvicinarsi della fatidica data del 9 ottobre, i miei pensieri sono attratti verso un'unica direzione: il disastro del Vajont. In questo articolo analizzo la canzone di Bocelli “Proteggimi” che fa da colonna sonora al film di Martinelli “Vajont”.

Leggi l'articolo

“La confraternita degli storici curiosi” di Jodi Taylor

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Quando ho saputo che questo libro parlava di viaggiatori temporali ho deciso che dovevo leggerlo.
Come spesso accade quando mi trovo davanti ad argomenti che mi appassionano, avevo alte aspettative, che sono scese quasi subito, per risollevarsi a picchi altalenanti di approvazione e delusione.

Una letterina rosa, la mattina, nel mondo dello Schiaccianoci [Racconto]

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Francesco Casadei parte per il fronte nel 1917 con in tasca la letterina della figlia Rosa e il portafortuna della moglie Adele: un soldatino Schiaccianoci.